Valutazione personale di Lontano da te : 5 su 5

Ancora un meritato successo per la Armentrout che con Wicked, saga pubblicata praticamente in contemporanea con l’America, ci catapulta in un mondo popolato da crudeli ed affascinanti Fae che si nutrono degli umani, totalmente ignari della loro esistenza.

In “Lontano da te” l’autrice si discosta notevolmente dal genere young, al quale ultimamente ci ha abituati, ma vi posso assicurare che il cambiamento di rotta non potrà che farvi piacere…

Info e trama Lontano da te

Copertina Lontano da te di J. Armentrout
Copertina Lontano da te di J. Armentrout

Titolo: Lontano da te

Autore: Jennifer Armentrout

Serie: Wicked 1

Editore: Editrice Nord

Pagine: 348

Ebook dal 28 maggio 2015 a 9,99

Trama 

Ivy Morgan è una sopravvissuta. Rimasta orfana a diciotto anni, ha imparato in fretta cosa significa doversela cavare da sola e, adesso, non permette agli altri di avvicinarsi a lei, di entrare nella sua vita. Anche perché non vuole rischiare che le facciano troppe domande su come trascorre il suo tempo. Nessuno infatti deve sapere che i genitori erano affiliati a un antichissimo Ordine segreto e che, con la loro morte, è toccato a lei ereditare la loro missione…
Ren Owens è l’ultima persona al mondo per cui Ivy dovrebbe provare interesse; è impulsivo, imprevedibile, ed è troppo arrogante perfino per essere un membro dell’Élite, la sezione dell’Ordine cui vengono affidate le operazioni più rischiose. Eppure è come se Ren l’avesse stregata. Quando guarda i suoi profondi occhi verdi, Ivy sente di volere un destino diverso da quello cui è condannata: sente di volere… lui. E, per la prima volta, ha l’impressione di potersi davvero fidare. Almeno finché non intuisce che Ren le nasconde qualcosa, un segreto che potrebbe distruggere tutto ciò per cui lei ha lottato…

Review di Lontano da te – Dopo alieni, demoni e gargoyle … arrivano le fate!!!

Ancora un altro centro per questa bravissima (ed instancabile oserei dire, vista l’enorme mole di libri che riesce a produrre) autrice che, con la saga Wicked, ha deciso di modificare leggermente il target dei lettori. Lontano da te è infatti un delizioso urban fantasy pieno di mistero, azione, romanticismo e con quel pizzico di pepe in più, che vi posso assicurare non guasta assolutamente, ma anzi aggiunge mordente alla storia.

Ultimamente l’autrice ci aveva abituati a young adult, comunque godibilissimi anche da lettori un po’ più adulti, dove i protagonisti flirtavano, battibeccavano e sostanzialmente vivevano la vita di normali (per quanto alieni e demoni lo possano essere) adolescenti alle prese con le prime cotte e con i problemi scolastici.

Ivy
Ivy

In “Lontano da te”, che è a tutti gli effetti un New adult, l’età dei protagonisti è leggermente più alta (Ivy ha 21 anni e Ren 24) e di conseguenza le azioni dei due ragazzi sono rapportabili alla loro maturità anagrafica, con tutto ciò che ne consegue anche dal punto di vista di una relazione amorosa. Proprio per questo il romanzo risulta molto più hot del solito e vi sono svariate scene, tenere, appassionanti e mai volgari, dedicate ai momenti più intimi vissuti dai due protagonisti.

Ma “Lontano da te” è questo e molto altro, infatti oltre alla delicata e romantica storia d’amore, troviamo una trama coinvolgente che ci tiene incollati fino alle ultime pagine che, come d’abitudine, ci riserveranno sconvolgenti rivelazioni che ci lasceranno increduli e storditi ed in febbrile attesa del secondo romanzo. Devo assolutamente fare i complimenti all’autrice per l’imprevedibilità  della trama, il susseguirsi degli avvenimenti e i repentini cambi di rotta, realmente difficili da seguire e predire. Ammetto di avere compreso l’identità del delatore praticamente da subito, ma tutto il resto è arrivato veramente a sorpresa e per la prima volta nella mia vita, io che ho sempre amato gli spoiler, sono stata super felice di non sapere nulla e di essere arrivata ignara alle ultime elettrizzanti pagine.

Tremate tremate le Fate sono tornate

Wicked saga - Armentrout
Wicked saga – Armentrout

Grande pregio dell’autrice è l’inesauribile fantasia che, pur utilizzando protagonisti solitamente piuttosto similari, le permette di spaziare tra alieni, vampiri, demoni, gargoyle ed infine Fae….ma le fatine della Armentrout non sono per niente dolci e non si portano via solo il dentino….

Infatti, le fate (o Fae) in Lontano da te non si accontentano dei dentini ma preferiscono prendersi tutto il corpo attraverso un spietato processo di assimilazione che lascia l’umano praticamente prosciugato e morente. Questi essere crudeli vivono nel nostro mondo da secoli e l’umanità non si è mai accorta di nulla, tranne un manipolo di guerrieri che di generazione in generazione si tramanda il compito di combattere i Fae, rispedendoli nel loro mondo attraverso una pugnalata nel cuore.

I varchi di accesso tra i due Mondi sono pochi e ben custoditi e quindi, solitamente, i Fae rispediti al mittente, difficilmente riescono a ritornare. Ma le cose stanno drasticamente cambiando e una profezia incombe sulla testa dell’umanità. In pochi la conoscono: solo un’Elite di guerrieri della quale fa parte il nostro bellissimo Ren.

Ren e Ivy – Il guerriero e la sua Merida

Ren
Ren

Ren è il classico maschio armentroutiano, affascinante e misterioso, leggermente scontroso ma tenero, forte ma vulnerabile, guerriero ma sotto sotto cucciolone … praticamente perfetto!! Ci viene descritto come un adone, una cascata di riccioli ramati, due magnetici occhi verdi (l’autrice deve avere un debole per gli occhi verdi) ed un corpo da urlo. Ren è il perfetto mix tra lo scontrosissimo Daemon (serie Lux) ed il più romantico Roth (Caldo come il fuoco – qui la mia recensione) e devo ammettere che il risultato è veramente eccezionale. Quello che mi è piaciuto di questo ragazzo, oltre alle sue indubbie doti esteriori, è il coraggio di mostrare i propri sentimenti senza vergogna e senza paura di apparire più vulnerabile per l’aver esternato le emozioni che prova per Ivy.

Inoltre Ren è particolarmente paziente nel perseguire il proprio scopo e, considerato che il suo obiettivo primario è la ritrosa Ivy, di pazienza ce ne vuole veramente tanta.  La ragazza infatti, specialmente all’inizio, è veramente un osso duro e devo ammettere che le sue continue paranoie alla fine mi hanno anche un pochino infastidita. Non ci si può vergognare di cambiarsi una maglietta davanti ad un ragazzo con il quale un paio d’ore prima si è fatto petting piuttosto spinto!!! Ma Ren ha la pazienza di Giobbe ed Ivy è comunque  enormemente attratta da lui…questo porterà a momenti molto bollenti tra i due ragazzi che infine si dichiareranno il loro amore.

Guest star – Campanellino

Non potevo terminare questa recensione senza una menzione d’onore per il personaggio più delizioso, caustico, irriverente e secondo me anche molto affascinante, del libro. Signori e signore… vi presento il folletto Campanellino!! Coinquilino forzato della nostra Ivy, abbigliato con i vestiti di Ken il bambolotto, Campanellino è uno dei personaggi meglio riusciti tra i vari libri dell’autrice e la sua malsana e feticistica ossessione per i pupazzi di Troll, dà sicuramente un nuovo significato alla parola Kinky.

Conclusioni

Un libro assolutamente da leggere per tutti gli amanti del genere e non. Scritto in maniera scorrevole e brillante, non annoia mai e i dialoghi sono come sempre divertenti ed irriverenti. Aggiungo, per chi odia i cliffhanger alla quale ci ha abituato la crudele autrice, che il finale…seppur sconvolgente, ci lascia sì con il fiato sospeso, ma comunque non proprio sul filo di un precipizio.

Acquista il libro

Leggi e scrivi con noi

Siamo alla ricerca di una nuova Redattrice, amar leggere e scrivere sono gli unici requisiti fondamentali! Clicca sull'immagine se interessata. Cercasi Redattrice